Germania: a fine anno il 5,2% degli assicurati auto ha cambiato compagnia

Il 5,2% dei circa 40 milioni di assicurati auto ha cambiato almeno una polizza di assicurazione alla fine dell’anno in Germania, circa 200.000 in meno rispetto all’anno precedente.  In Germania la scadenza della polizza auto è per tutti al 31 dicembre e gli assicurati hanno tempo fino a fine novembre per cambiare compagnia.

Su un totale di circa 2,3 milioni di contratti cambiati, le compagnie che sono riuscite ad aggiudicarsi almeno il 6% di clienti in più sono: HUK-COBURG, Allianz, VHV e R+V. Tuttavia, poiché alcune di esse hanno dovuto fare i conti anche con molte disdette, la classifica cambia, se si considera il saldo: HUK-COBURG, R+V, Verti, Sparkassen DirektVersicherung e ERGO superano la fine dell’anno con un saldo positivo di almeno l’1%.

Questi i risultati dell’indagine di mercato Sirius Campus “„Telematik-Kfz-Versicherungsangebote im Jahresendgeschäft 2019“ “, un’indagine rappresentativa con circa 1.000 interviste telefoniche e 2.000 interviste online tra gli assicurati auto nel periodo dal 2° al 3° trimestre 2019.

In totale, la metà di coloro che passano a una nuova assicurazione auto (51%) stipula la propria nuova assicurazione auto in occasione di una consulenza personale, ossia con broker assicurativi indipendenti, agenti, consulenti in centri clienti o casse di risparmio o banche. Il 45% utilizza portali di confronto o il contatto diretto online o telefonico con un assicuratore. Tra gli utenti di un portale di confronto, la maggior parte di loro preferisce CHECK24 (70%) e Verivox (19%) per la modifica di un contratto. Altri portali di confronto, tra cui il nuovo portale di confronto Joonko, non sono stati quasi mai utilizzati per cambiare l’assicurazione auto.

Solo un terzo (36%) ha cambiato di propria iniziativa. “Anche nel caso delle assicurazioni auto con un’elevata rilevanza di prezzo nel processo decisionale, molti clienti si avvalgono del supporto consultivo dei broker. Una prova in più che la domanda dei clienti per le competenze consultive dei broker assicurativi rimane ininterrotta”, afferma Oliver Gaedeke, Amministratore Delegato di Sirius Campus, interpretando i risultati. Oltre a un prezzo migliore, nel processo decisionale giocano un ruolo importante anche gli aspetti relativi alle prestazioni, come la portata della copertura. Il cinque per cento, ossia circa 100.000 contratti, è stato stipulato come tariffa telematica durante la fase di transizione.

Gemania