Danno da perdita di chance per il dipendente escluso dalla selezione interna

Nel risarcimento del danno per perdita di chance di promozione, incombe sul singolo dipendente l’onere di provare, pur se solo in modo presuntivo, il nesso di causalità tra l’inadempimento datoriale e il danno, ossia la concreta sussistenza della probabilità di ottenere la qualifica superiore.

Nel caso oggetto di decisione è stato riconosciuto il risarcimento al dipendente che aveva vista negata dall’azienda la possibilità di prendere parte a una selezione interna.

Cassazione civile sez. lav., sentenza del 25/09/2019 n. 23936

perdita di chance