Polizza rc a tutto tondo

Copertura assicurativa obbligatoria e gratuita per gli iscritti Lapet
Professionisti tutelati in attività e in pensione

di Lucia Basile

Anche questo nuovo anno inizia, per la Lapet, all’insegna della grande operatività. L’associazione sarà fortemente impegnata sia nella tutela degli associati che dell’utenza che a essi si rivolge. «Al fine di promuovere uno standard sempre più elevato della consulenza tributaria, continueremo a puntare tutto sulla formazione e aggiornamento professionale e, dal punto di vista patrimoniale, sulla polizza rc professionale», ha annunciato il presidente nazionale Roberto Falcone. In merito a quest’ultimo aspetto, affinché l’obbligo di copertura assicurativa non gravi troppo sui professionisti, l’associazione si è da anni fatta carico di tali costi. La polizza infatti è gratuita e automatica al momento dell’iscrizione, stipulata con una primaria compagnia assicuratrice a livello mondiale, ha una copertura dei rischi professionali e complementari ad ampio raggio, i cui massimali raggiungono ben un milione di euro.
Riguarda, solo per citarne alcune, l’attività di tributarista, incluse l’attività di mediazione, l’attività di revisore in enti privati e pubblici. Tra le garanzie aggiuntive, l’assicurazione copre la responsabilità civile che può derivare per fatto commesso da contitolari, collaboratori o dipendenti; la perdita, lo smarrimento, il danneggiamento o la distruzione per qualunque causa di documenti e anche la responsabilità civile a cagione di ingiuria o diffamazione commesse nell’esercizio dell’attività professionale.

«La reale tutela dell’utenza è il principio che ha da sempre contraddistinto l’attività della nostra associazione», ha ricordato Falcone. «Per questo, fin dagli anni 80, e quindi molto prima che si iniziasse a discutere dell’obbligo di legge della polizza professionale, abbiamo stipulato le prime polizze rc professionali. Dal 2000 abbiamo poi disposto, da statuto, l’obbligo della polizza per tutti i nostri iscritti. L’associazione allora esercitava continui controlli per verificare la puntuale sottoscrizione e la regolarità delle sue condizioni. Per velocizzare e semplificare questo processo, dal 2008 abbiamo realizzato un’iniziativa che rende automatica e soprattutto gratuita la copertura del rischio professionale all’atto dell’iscrizione o del rinnovo della quota associativa». Con il passare degli anni e senza comportare alcuna variazione in termini di premio, sono state apportate rilevanti migliorie in conformità alle normative vigenti. Solo per citarne alcune, l’estensione della garanzia postuma che copre il tributarista anche in caso di cessazione dell’attività o pensionamento, o i suoi eredi in caso di decesso, per tutte le richieste di risarcimento danni che possano pervenire fino ai dieci anni successivi alla cessazione. Altrettanto importante è l’aspetto relativo alla retroattività illimitata, sulla quale Falcone ha aggiunto: «Nella nostra attività è probabile che passi anche molto tempo tra il momento in cui viene commesso l’errore e quello in cui il cliente lo denuncia, è quindi necessario coprire anche il periodo precedente alla stipula del contratto di assicurazione». Tra le altre garanzie aggiuntive poi, l’assicurazione di cui godono i tributaristi prevede: vincolo di solidarietà; sinistro cautelativo; introduzione del sinistro in serie. Oggi quindi la polizza Lapet ha raggiunto il suo obiettivo.
Interessante è altresì la previsione di una commissione paritetica a cui ricorrere in caso di divergenza tra le parti, ovvero assicuratore e iscritto, sulla natura dell’errore professionale e delle sue conseguenze in termini di risarcimento, formata solo da iscritti Lapet. Esclusiva, inoltre, è la rinuncia dell’assicuratore alla possibilità di disdettare la polizza in caso di sinistro verificatosi durante l’anno.

Ma, la polizza rc professionale Lapet, è estremamente innovativa anche dal punto di vista informatico. È già da qualche anno attiva una piattaforma web che permette all’assicurato di avere direttamente disponibile, all’interno della sua area personale, la gestione online della propria posizione assicurativa: integrazione, variazione, gestione sinistri ecc… «Un servizio informatico d’avanguardia che, messo a disposizione dei nostri iscritti, consente di gestire un miglior archivio di tutta la documentazione pre-contrattuale e contrattuale, velocizzando anche i tempi di visione del documento di polizza», ha spiegato il presidente. I vantaggi non finisco qui, infatti, gli associati Lapet che hanno sottoscritto integrative ad hoc, possono usufruire di ulteriori servizi, quali: visite odontoiatriche o di efficienza visiva, coperture assicurative per la vita privata con scontistica riservata. In definitiva, Falcone ha ribadito: «Con questa polizza possiamo garantire a tutti i nostri iscritti (tributaristi, studi associati e società professionali) un livello adeguato di copertura assicurativa e, allo stesso tempo, tenere indenni i clienti dei nostri professionisti da perdite patrimoniali involontariamente cagionate nell’esercizio degli obblighi professionali, per errori o omissioni».
© Riproduzione riservata

Fonte: