Covéa rinuncia all’acquisto di Scor, che annuncia azioni penali

Il gruppo assicurativo francese Covéa ha annunciato di voler rinunciare all’acquisto e fusione con Scor, gruppo riassicurativo francese, perché “non rientra più tra le sue opzioni strategiche”.

Al centro di questa decisione, sottolinea il gruppo francese in una nota, “il rifiuto di Scor di impegnarsi in qualsiasi dialogo in relazione alla sua proposta di offerta amichevole proposta lo scorso 24 agosto 2018” e “gli attacchi e le manovre ostili di cui Covéa è stata oggetto e che si sono intensificati negli ultimi giorni”.

Covéa è azionista Scor dal 2003 ed è il maggiore azionista con una quota di poco superiore all’8 per cento. All’inizio di settembre Scor aveva seccamente rigettato l’offerta amichevole di Covéa.

Dopo l’annuncio Scor ha perso oltre il 12% alla Borsa di Parigi a 36,06 euro ed ora annuncia azioni legali.

Il gruppo riassicurativo ha infatti annunciato che perseguirà penalmente Covéa e il suo ceo Thierry Derez, nonché Barclays e Rothschild, che hanno rispettivamente finanziato e consigliato Covéa nel tentativo di acquisto. Una decisione che è stata presa “in base alla gravità dei fatti e delle prove portate a conoscenza di Scor e dei suoi organi di governance” in merito alla condotta scorretta a danno di Scor nel contesto dell’offerta pubblica non sollecitata da parte di Covéa nell’agosto 2018. Scor declina ogni accusa riguardo agli attacchi e alle manovre ostili citate da Covéa.

Scor accusa in particolare Covéa e Thierry Derez, amministratore delegato del gruppo assicurativo, di aver sottratto informazioni e un documento “strettamente confidenziale” su “un possibile progetto di fusione” tra SCOR e il riassicuratore delle Bermuda Partner Re, secondo una denuncia presentata il 29 gennaio.

Il 4 settembre, Covéa (proprietaria dei marchi GMF, MAAF, MMA) ha rivelato il tentativo di acquisto del riassicuratore, non andato in porto. Il giorno successivo, SCOR ha negato alla stampa i resoconti di discussioni “con un altro partner”. Il gruppo guidato da Denis Kessler ha poi dichiarato di non aver “avuto discussioni con il Partner Re o qualsiasi altra società”.
Anche le banche Barclays e Rothschild, che avevano consigliato Covéa nel suo tentativo di acquisizione nell’agosto scorso, sono oggetto di un procedimento civile per “grave violazione della riservatezza e del segreto commerciale di SCOR”. Credit Suisse, che ha sostenuto anche Covéa, non è coinvolto. E per una buona ragione, in novembre, la banca svizzera ha ritirato il suo sostegno a qualsiasi progetto di Covéa per assumere il controllo di SCOR.

SCOR critica Thierry Derez, che è stato membro del suo consiglio di amministrazione, per aver utilizzato le informazioni sul “Progetto Parfum” a beneficio della sua compagnia.

Secondo la denuncia, il 20 dicembre una decisione di un tribunale di Londra aveva ordinato al Credit Suisse di trasmettere a SCOR tutte le informazioni che Covéa gli aveva trasmesso. All’inizio di gennaio, la banca ha fornito al riassicuratore “una serie di documenti, tra cui e-mail e presentazioni preparate dalla banca (o con gli altri consulenti di Covéa)”.
Secondo la denuncia, sembra che Covéa abbia incaricato il Credit Suisse “dalla fine di aprile 2018” di prendere parte ad un “progetto non richiesto di assumere il controllo di SCOR”. “Inizialmente era previsto che l’offerta in questione sarebbe stata finalizzata nel 2019”.
Tuttavia, dopo la riunione del Comitato Strategico del Consiglio di Amministrazione di SCOR del 25 luglio, in occasione della presentazione del progetto con il Partner Re, è stato chiesto al Credit Suisse di “accelerare in modo sostanziale il completamento dell’operazione”. La banca svizzera sarebbe stata anche responsabile della preparazione di un’argomentazione per far fallire il “Progetto Profumo”. Il 25 luglio Thierry Derez è stato inoltre informato sulla valutazione del valore intrinseco di SCOR da parte di BNP Paribas.

Thierry Derez e Covéa sono chiamati a comparire dinanzi alla 13a Divisione Penale del Tribunale di primo grado di Parigi il 24 giugno prossimo alle 13:30. SCOR chiede al tribunale di condannare l’amministratore delegato di Covéa a pagare 300.000 euro “a titolo di risarcimento del danno” e Covéa a 600.000 euro.