Scoppio e acqua condotta: due pesi e due misure

INCENDIO

Autore: Clemente Fargion
ASSINEWS 293 – gennaio 2018

 

1 – L’insolita lettura di due garanzie cadute nell’in­differenza dell’ovvietà

Scoppio e acqua condotta: due garanzie operanti esplici­tamente nel testo di polizza incendio ad eventi nominati ed implicitamente nel testo di polizza all risks, talmente note che davvero in pochi riterrebbero di doverci dedicare uno studio. La trattazione che segue è, invece, l’ennesima dimostrazione della tesi che nel pianeta delle assicurazioni, nulla è dato né deve essere dato per scontato.

Cosa accomuna queste due garanzie cui siamo così abituati da non fare più nemmeno caso alla loro presenza?

Per rispondere a questa domanda, occorre partire da lontano, ovvero dal vecchio, ma mai risolto tema del confronto fra testo ad eventi nominati e testo all risks. Cominciamo con l’annotazione che il testo all risks non menziona in alcun modo la garanzia scoppio, in quanto esso si limita a non escluderla.
Al più si può trovare qualche riferimento alla garanzia acqua condotta, in merito alla limitazione
normativa (ad es. l’esclusione dei danni a merci poste a meno di 12 cm dal pavimento, piuttosto che i danni da umidità e stillicidio) e
quantitativa, (limiti di indennizzo e franchigia).

Ma ci sono degli aspetti, all’interno di entrambe le garanzie in questione, che portano a coinvolgere, nostro malgrado, lo studio sulla loro operatività, anche in ambito di polizza All Risks.

CONTENUTO A PAGAMENTOIl contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati aMENSILENon sei abbonato?

Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati