La sosta del veicolo ed il concetto di circolazione stradale

RCA

Ormai nessun dubbio che le norme sulla RCA debbano sempre trovare applicazione in caso di sosta, anche irregolare, fermata, arresto del veicolo o suo utilizzo purché nella pubblica via

Autore: Bianca Pascotto
ASSINEWS 293 – gennaio 2018

 

Assai spesso vengono alla ribalta della cronaca sinistri stra­dali causati da veicoli in sosta vietata, oppure sinistri causati dalla apertura o chiusura dello sportello o provocati dalla caduta di un carico o durante le operazioni di carico e sca­rico merci. Fino a non molto tempo fa non era così inusuale che, occor­so il danno, la compagnia opponesse al danneggiato l’inap­plicabilità delle norme sull’assicurazione obbligatoria della RCA perché il sinistro si era verificato durante la fase di so­sta del veicolo e non durante la circolazione come previsto dall’art. 122 del d.lgs n.209/2005. Nell’aprile 2015 sono intervenute le sezioni unite della Cas­sazione1 per “cementare” l’orientamento della giurispru­denza diretto a considerare “circolazione del veicolo”, ogni operazione propedeutica alla partenza, all’arre­sto, alla sosta del veicolo e ogni attività che il veicolo è destinato a compiere e per la quale è autorizzato a circolare.

In buona sostanza le norme sull’assicurazione obbligatoria auto si applicano non solo durante la fase cinetica del vei­colo ma anche durante la sosta, l’arresto, durante le fasi di carico e scarico e durante qualsiasi attività connessa al tra­sposto di cose e persone avvenuta per il tramite del veicolo. Per le Sezioni Unite, dunque, l’assicurazione RCA deve co­prire ogni sinistro causato durante l’utilizzo di un veicolo, ed un tanto indipendentemente dall’uso che in concre­to si faccia del veicolo, purché sussistano due condizioni:

1) che il sinistro si sia verificato sulla strada pubblica o aperta al pubblico – secondo la con­solidata nozione che trattasi di strada o area anche priva­ta, ma utilizzata da una massa indistinta di persone;

2) che il veicolo possieda le ca­ratteristiche tecniche per le quali è stato ammesso a circo­lare e che corrispondano alla sua funzione abituale.

Detto concetto è stato confer­mato da recente pronuncia della Cassazione emessa con ordinan­za n. 27759 il 22 novembre del 2107, in merito ad un caso un po’ particolare.

CONTENUTO A PAGAMENTO Il contenuto integrale di questo articolo è visualizzabile solo dagli abbonati a MENSILENon sei abbonato?

Sei già abbonato? Effettua il login nel modulo sottostante

Hai dimenticato la Password?
Registrati