Poste pronte al riassetto dei fondi

di Anna Messia

Continuano i riassetti di manager nel gruppo Poste Italiane . Questa volta il cambiamento è da registrare nella società di gestione BancoPosta Fondi Sgr. Alla fine della scorsa settimana l’amministratore delegato della Sgr, Antonio Nervi, ha lasciato infatti il suo incarico e a giorni è atteso l’arrivo del nuovo numero uno della società.

Si tratterebbe di un manager preso dal mercato, a quanto pare con un passato professionale in Ubs. Mentre Nervi, che è stato responsabile Finanze di Poste Italiane  dal 2004 a novembre 2014, per poi diventare responsabile della funzione coordinamento della gestione investimenti del gruppo, non lasceràPoste Italiane , ma continuerà a ricoprire quest’ultimo incarico. La sua uscita dalla Sgr sembra invece legata alla nuova fase che BancoPosta Fondi si appresta ad affrontare. Nervi, che ha preso il timone della sgr lo scorso aprile, ha vissuto importanti fasi straordinarie della sgr: ha preparato la società alla quotazione del gruppo dello scorso ottobre e l’ha guidata verso l’operazione Anima , con l’acquisizione a luglio del 10,32% della società per 210 milioni. Ora a gestire la crescita della società sarà invece un manager arrivato dalla concorrenza. La sgr ha un ruolo centrale nel piano industriale del gruppo messo a punto dall’amministratore delegato Francesco Caio. L’obiettivo di arrivare a 500 miliardi di euro di risparmio in gestione entro il 2019 passa infatti per la crescita di polizze e fondi. Tanto che il 23 dicembre scorso, Caio, come anticipato da MF-MilanoFinanza, ha creato una nuova funzione di gruppo, alle sue dirette dipendenze. Una struttura dedicata appunto al risparmio gestito e ai prodotti assicurativi, affidata all’amministratore delegato di Poste Vita e Poste Assicura, Maria Bianca Farina, che dal 15 dicembre è anche la prima presidente donna dell’Ania. E sempre Farina è anche presidente della Sgr. (riproduzione riservata)